mercoledì 23 novembre 2005

Ruggero Bacone (1214 - 1292)

"[...] di fronte ad una verità che è dinamica e infinita, il francescano Bacone sostiene che nessuno, neanche un sapiente maestro parigino, può rivendicare di essere superiore agli altri: occorre distinguere non i dotti dagli ignoranti ma i «semplici», ossia gli uomini disponibili alla ricerca infinita della verità, dai presuntuosi chiusi nel cerchio delle loro conoscenze senza progresso proprio perché considerate già complete. [...] L'incommesurabile distanza che separa tutti gli uomini dalla pienezza della verità non permette di vantare decise superiorità intellettuali nei confronti di nessuno. [...]"
MT. Fumagalli Beonio Brocchieri, Profilo del pensiero medievale, p. 49, Bari, 2002.

Nessun commento:

Posta un commento