sabato 15 dicembre 2007

Non solo creatività, design e moda...

... anche eccellenza nella ricerca scientifica e nell'industria, in condizioni economiche e strutturali difficili. Ma i fiori all'occhiello dell'Italia sono:

Ricerca sulle malattie genetiche e terapia genica
La terapia genica è una nuova e promettente forma di terapia per un gran numero di malattie genetiche altrimenti incurabili: è così che nel 1995 nasce a Milano l’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica, una joint-venture tra l’Istituto Scientifico San Raffaele e la Fondazione Telethon per lo sviluppo della ricerca di base, preclinica e clinica nella terapia genica di malattie genetiche...

La XXI Spedizione italiana in Antartide
La XXI Spedizione italiana in Antartide, come le precedenti, vede la programmazione di diverse ricerche in mare e per l'OGS-Explora, la nave da ricerca dell'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale - OGS, con sede a Trieste...

Fincantieri di Muggiano
E’ stata consegnata presso lo stabilimento Fincantieri di Muggiano (La Spezia) la ‘Sagar Nidhi’ (’Perla degli Oceani’), nave oceanografica realizzata per il National Institute of Ocean Technology (Niot) di Madras...

The Italian HighTech Shipbuilders
Rodriquez Cantieri Navali è una delle maggiori realtà cantieristiche al mondo, da più di 60 anni leader nella costruzione di navi ad alta velocità e capace di diversificare una produzione caratterizzata da soluzioni ad altissima tecnologia...

Tor Vergata (dipartimento di Matematica ), eccellenza italiana in Europa
Al livello di eccellenza sono stati selezionati solo altri 5 dipartimenti universitari italiani, quattro per Fisica (Università La Sapienza di Roma, Università degli Studi di Pisa, Università degli Studi di Padova e Università degli Studi di Firenze) e uno per Chimica (Università di Bologna). Molti altri dipartimenti italiani sono presenti nella categoria immediatamente inferiore la «top».

Nanotecnologia
Nanotec IT (Centro Italiano per le Nanotecnologie) è stato creato nel 2003 da AIRI, Associazione Italiana per la Ricerca Industriale, per farne un punto di riferimento nazionale per le nanotecnologie per industria, ricerca pubblica, istituzioni governative.Nel 2006, AIRI/Nanotec IT, con l’appoggio di numerose imprese private e strutture di ricerca pubbliche, si è fatto portavoce di una proposta per sollecitare il Governo Italiano ad attivare una Iniziativa Nazionale per le Nanotecnologie (INN) che faciliti e renda più efficace l’impegno in questo campo...

ICRANet
Network Internazionale di Centri per l’Astrofisica Relativistica, International Centre for Relativistic Astrophysics ha sede a Pescara. Le origini dell’Organizzazione risalgono al 1985 quando, per volontà dei Premi Nobel Abdus Salam e Riccardo Giacconi e, soprattutto, del Prof. Remo Ruffini, nasce l’ICRA (Centro Internazionale per l’Astrofisica Relativistica) presso l’Università degli Studi di Roma, Facoltà di Fisica...
leggi altro [link]
leggi altro [link]

IL POLO DI TRIESTE
Sede del Parco scientifico e tecnologico più grande d'Italia, che vanta una concentrazione di ricercatori tra le più importanti d'Europa, l'Area Science Park ospita Centri di Ricerca ed Istituti nazionali e regionali italiani, stranieri ed internazionali, che svolgono attività di ricerca di base ed applicata in vari settori, dalla fisica alle biotecnologie, dalla genomica alla fisica dei materiali, dalla ricerca applicata all'industria farmaceutica, alimentare, alla microelettronica ed informatica...

Agenzia Spaziale Italiana
In meno di due decenni si è affermata come uno dei più importanti attori mondiali sulla scena della scienza spaziale, delle tecnologie satellitari, dello sviluppo di mezzi per raggiungere ed esplorare il cosmo.Grazie all’attività dell’ASI, la comunità scientifica italiana ha ottenuto negli ultimi decenni successi senza precedenti nel campo dell’astrofisica e della cosmologia, contribuendo tra l’altro a ricostruire i primi istanti di vita dell’Universo, compiendo passi fondamentali verso la comprensione del fenomeno dei gamma ray bursts e delle misteriosi sorgenti di raggi gamma.

... e altro ancora. La pagina dei centri di eccellenza universitari italiani nel sito di "Ricerca Italiana" è qui

Le attività di ricerca svolte dalle imprese a valere sui fondi pubblici, costituiscono una parte rilevante del totale degli investimenti in ricerca delle imprese italiane. Il complesso di attività di ricerca supportate dal MIUR rappresenta quindi un osservatorio privilegiato sul sistema della ricerca industriale italiana.
Il noto paradigma dimensionale «la maggioranza degli investimenti privati in R&S è fatta dalle Grandi Imprese» mostra i primi segni di inversione all’interno dell’osservatorio del MIUR. Il rapporto, infatti, tra i finanziamenti concessi dal Ministero a Grandi Imprese (GI) e Piccole e Medie Imprese (PMI) è passato negli ultimi dieci anni da un valore di oltre uno a dieci (un miliardo di agevolazioni concesse a PMI ogni dieci concesse a GI), fino ad un valore inferiore di uno a due (un miliardo di agevolazioni concesse a PMI ogni due concesse a GI).
Inoltre le PMI dimostrano, come era prevedibile considerando le difficoltà a condurre singolarmente attività di ricerca, una propensione alla collaborazione con Università ed Enti di Ricerca superiore del 50% rispetto alle GI. Negli ultimi tre anni la percentuale complessiva di collaborazione, sia per le PMI che per le GI, è più che raddoppiata.

Nessun commento:

Posta un commento